Se le Terre pubbliche vengono affidate, gli Asini volano!

BorghettoSCarlo

Borghetto San Carlo e altri tre lotti ai giovani agricoltori

Car* tutt*, vi comunichiamo una notizia che ci commuove e che dà linfa ad un percorso fatto di Coraggio: l’amministrazione comunale ha pubblicato il primo bando per assegnare una prima parte delle terre pubbliche (ora 100 ettari), tra cui Borghetto San Carlo, dando così una prima risposta concreta ai bisogni di terra, di qualità della vita, di fruibilità, di agricoltura e di cibo controllato.

Borghetto San Carlo  Le nostre rivendicazioni in questi tre anni sono state volte a “normalizzare” la richiesta, di buon senso, di far avviare a giovani agricoltori attività agricole multifunzionali su terreni pubblici, per rendere fruibili quei luoghi abbandonati, per generare reddito e posti di lavoro, per evitare che il patrimonio agricolo di tutti rischiasse di essere svenduto alle speculazioni.

Tre anni che sembrano molti di più, spesi a credere con determinazione e con spesso tanti ripensamenti alla possibilità di cambiare qualcosa, tre anni che qui ricordiamo con alcuni fotogrammi della storia di partecipazione scritta insieme a chi ci ha sostenuto: http://bit.ly/1iFRi4e .

Un percorso il nostro che consideriamo “rivoluzionario”,Borghetto San Carlo perché basato sulla volontà di dialogare con tutti e per tutti, dentro e fuori le istituzioni. Molta strada è ancora da fare, sempre con l’obiettivo chiaro di livellare squilibri sociali che rendono non uguali per tutti le condizioni per costruire un futuro, per accedere a risorse, per realizzare sogni e progetti di vita.

Borghetto San Carlo Borghetto San Carlo ha fatto da teatro per la presentazione del bando, come simbolo della battaglia ‘Terre Pubbliche ai Giovani Agricoltori’.  Il presidio dell’anno scorso della nostra cooperativa, nel Coordinamento Romano Accesso alla Terra, la raccolta delle 10.000 firme “#TerrePubbliche” (http://bit.ly/1fWKURR), promossa da CoraggioTerra!Onlus e daSud, il mail bombing “Riprendiamoci Borghetto san Carlo”(http://bit.ly/1iXkWjp), sono solo le utlime tappe a dimostrare che si può chiedere ciò si crede essere un proprio diritto, ma solo con la forza ed il coinvolgimento di quante più persone possibili!

IN CALCE IL COMUNICATO STAMPA, scritto insieme alle associzioni daSud e Terra!Onlus, che hanno sostenuto con convinzione sincera  il percorso per liberare veramente le terre pubbliche. Continuate a seguire questa stora con un “Mi Piace” a questo link http://on.fb.me/1nltUgs

Ringraziamo cittadini, istituzioni, associazionismo e tutti quelli che con noi hanno creduto a tutti i passi di questa lunga camminata per l’agricoltura, per il lavoro, per gli spazi verdi.

Il meglio deve ancora venire … Ma se le terre verranno assegnate ai giovani agricoltori … gli Asini voleranno!

Coraggio! Fuori dal Seminato!


Roma, 24-05-2014

 

TERRE PUBBLICHE, “VITTORIA IMPORTANTE PER LA CITTA’”

Il Comune di Roma ha presentato il primo bando per assegnare le terre pubbliche incolte ai giovani agricoltori. Un anno fa la raccolta firme lanciata dalla cooperativa Coraggio e dalle associazioni Terra!Onlus e daSud.

 

Grazie alla mobilitazione di associazioni e cooperative agricole, la campagna per l’accesso alla terra raggiunge un importante risultato: il comune di Roma ha presentato il primo bando per assegnare le terre pubbliche incolte agli agricoltori, con via preferenziale per quelli under 40. Da oggi parte del patrimonio agricolo della Capitale potrà essere utilizzato creando lavoro per giovani agricoltori, tornando a offrire produzioni agroalimentari e servizi per la città.

Tra i terreni strappati al degrado ci sono i 22 ettari di Borghetto San Carlo, luogo scelto come simbolo per reclamare l’accesso alla terra, la tutela ambientale, il diritto al lavoro e il rispetto degli accordi tra l’amministrazione e il costruttore Mezzaroma sull’area di compensazione. Da Borghetto San Carlo infatti era partita la petizione lanciata su Change.org dalla cooperativa Coraggio e dalle associazioni Terra!Onlus e daSud (che aderiscono al Coordinamento Romano Accesso alla Terra) che in sole due settimane ha superato le 10.000 firme.

“È un primo passo concreto per contrastare le speculazioni edilizie e ogni tipo di uso illecito del patrimonio pubblico, compresa la svendita, e che riconosce il valore dei beni comuni, soprattutto di quelli non riproducibili come la terra – affermano la cooperativa Coraggio, e le associazioni Terra!Onlus e daSud – l’affidamento di queste preziose risorse crea così le condizioni per una gestione virtuosa che tenga conto degli squilibri sociali da ridurre e su cui un’amministrazione pubblica è chiamata a dare risposte”. “Il bando di oggi è il frutto di uno straordinario percorso partecipato per la qualità della vita in città – concludono le associazioni –, dimostra che le decisioni delle istituzioni possono passare per il dialogo con le forze sociali capaci di avanzare buone proposte, e che il diritto a vivere in una città sostenibile non è oggetto di contrattazione: è responsabilità di tutti”.


Rassegna stampa:

About Author: coraggio
Coraggio è la volontà di costruire futuro, passioni e competenze, lavorando insieme con un orizzonte comune. Cooperativa Romana Agricoltura Giovani è sinergia di esperienze e figure professionali (agronomi, braccianti, architetti, cuochi, operatori sociali, manovali specializzati) per fornire proposte e servizi in ambito agricolo e rurale, e rispondere alle esigenze della Città. Promotori della vertenza “Terre pubbliche ai giovani agricoltori”, creiamo lavoro, valorizzando risorse ecologiche e umane.

Comments are closed.